Progettare l'inclusione sociale e la partecipazione attiva: il modello delle microaree di Trieste

Durata: 1h 0m
Mi interessa

Nelle aree periferiche delle città la salute e il benessere dei cittadini sono condizionati in maniera evidente da quelli che nel linguaggio tecnico sono definiti i determinanti non sanitari di salute. Tra questi: il reddito, la casa con riferimento alla sua presenza e abitabilità, l’occupazione, la presenza o meno di relazioni significative. Quanto più questi fattori sono fragili o addirittura assenti, tanto più la salute e il benessere del cittadino sono a forte rischio. Dunque risulta evidente come le diseguaglianze di salute, in specie in aree fragili sotto diversi profili, sono il diretto prodotto delle diseguaglianze sociali.

Il webinar racconta come sono state affrontate queste problematiche nelle periferie di Trieste, con quali azioni e i risultati ottenuti.

Cosa s’impara
  • che cosa è il progetto delle Microaree di Trieste
  • come sono intervenuti i vari soggetti: Azienda Sanitaria n. 1 triestina, il Comune di TS, l’Ater di TS, le cooperative sociali, le associazioni e i cittadini
  • le modalità d’intervento del progetto: interventi, mirati, porta a porta, fortemente integrati, condotti a più mani, sanitari, sociali e di sviluppo di comunità
  • i risultati prodotti: miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti, condizioni di vita oggettivamente e soggettivamente migliori, miglioramento delle relazioni di fiducia tra gli abitanti stessi e degli abitanti nei confronti delle istituzioni
A cosa serve
  • ad avere un modello da cui prendere spunto e stimolo per migliorare le condizioni di salute e benessere delle persone
  • a sapere perché e come investire sia sulle persone, malate o sane che abitano i territori definiti, sia sulle persone che lavorano con chi sta male e che devono conquistare queste persone al progetto di salute
Per chi è utile

Tutti coloro, professionisti e decisori politici, che operano a diverso titolo in ambito sociale e sanitario.

Relatore

Dott.ssa MARIA GRAZIA COGLIATI DEZZA - Psichiatra, ha iniziato a lavorare a Trieste con il prof Franco Basaglia, prima nell’ospedale psichiatrico, poi nel centro di Salute Mentale di Barcola. Ha diretto il servizio delle dipendenze, il Distretto sanitario n. 2, e ha svolto il ruolo di coordinatore sociosanitario.